Cos’è l’edge e perché è importante?

Cos’è l’edge computing?

L’edge computing è un modello distribuito in cui l’elaborazione avviene in prossimità del luogo fisico in cui i dati vengono raccolti e analizzati, piuttosto che su un server centralizzato o nel cloud. Questa nuova infrastruttura prevede sensori per la raccolta dei dati e server perimetrali per l’elaborazione sicura dei dati in tempo reale e in locale, nonché il collegamento alla rete anche di altri dispositivi come laptop e smartphone.

Entro il 2025 saranno generati in tutto il mondo 175 zettabyte, ovvero 175 trilioni di gigabyte, di dati. Più di 90 zettabyte di essi saranno creati da dispositivi periferici.

-Report IDC Data Age 2025 “The Digitization of the World: From Edge to Core”

Perché l’edge computing è importante?

L’edge computing è importante perché crea modi nuovi e ottimizzati per massimizzare l’efficienza operativa, migliorare le prestazioni e la sicurezza e ridurre al minimo il downtime non pianificato, il che è fondamentale per i sistemi always-on odierni. Con l’ascesa dell’Internet of Things (IoT) e in particolare dell’Industrial Internet of Things, l’edge computing supporta l’innovazione e apre la strada a nuovi modi di fare impresa.

L’edge computing sarà il propulsore della prossima rivoluzione industriale trasformando industria manifatturiera e servizi. Non solo consente la raccolta di dati in tempo reale, ma è la via per ottimizzare tali dati creando business intelligence. L’edge computing supporta l’innovazione in quanto scalabile e flessibile. Può essere operativo più velocemente e gestito più facilmente rispetto a un data center tradizionale, consentendo alle aziende di soddisfare in modo più tempestivo le loro mutevoli esigenze.

Inoltre, l’edge computing è più efficiente ed economico.  L’uso di edge analytics per raccogliere ed elaborare i dati in tempo reale riduce la latenza e i costi associati all’invio di dati al cloud e consente di poter prendere decisioni più rapide. Questo può essere importante per applicazioni come gli impianti petroliferi e del gas in cui il riconoscimento tempestivo dei problemi può evitare rischi ambientali e mitigare i danni.

Un’altra ragione per cui l’edge computing è importante è la possibilità di evitare interruzioni impreviste nelle operazioni e garantire  le prestazioni e la sicurezza delle apparecchiature critiche.  La capacità di ridurre il downtime non pianificato e i costi operativi senza sacrificare gli standard di sicurezza è fondamentale.

L’aumento della potenza di calcolo a livello perimetrale consente di implementare sofisticati algoritmi di intelligenza artificiale e crea opportunità di apprendimento automatico. Questo è un presupposto necessario per stabilire sistemi autonomi, consentendo alle aziende di aumentare l’efficienza e la produttività riducendo al contempo i costi di manutenzione e del lavoro.  Inoltre, in questo modo il personale può concentrarsi su attività a valor aggiunto nell’ambito delle proprie mansioni.

Quali sono i vantaggi e le sfide dell’edge computing?

Uno dei principali vantaggi dell’implementazione dell’edge computing è la capacità di ottenere e analizzare i dati nel punto di raccolta, rilevando e correggendo problemi che potrebbero non essere identificati altrettanto rapidamente se i dati fossero inviati a un server centrale o nel cloud per l’elaborazione e l’analisi. La gestione dei dati on site riduce anche il rischio per la sicurezza associato al relativo trasferimento, un aspetto che può essere importante ad esempio per le organizzazioni finanziarie. L’elaborazione di alcuni dati in locale, anziché inviarli tutti a un server cloud o centrale, riduce inoltre i costi della larghezza di banda.

Un edge computing efficace richiede un’architettura e un’implementazione ben studiate, che possono rappresentare una sfida senza la giusta esperienza. La presenza di una moltitudine di punti di raccolta e analisi dei dati comporta la necessità di configurare e monitorare più nodi e dunque una maggiore complessità. D’altra parte, un numero insufficiente di punti di raccolta può comportare la perdita di dati critici. Siti decentralizzati possono anche significare meno personale tecnico in loco e di conseguenza il possibile ricorso a personale non tecnico per la risoluzione dei problemi. Queste sfide possono essere affrontate lavorando con integratori di sistemi competenti e utilizzando la giusta tecnologia edge.

Quanto è sicuro l’edge?

Poiché l’edge computing è distribuito, il rischio in termini di sicurezza è diverso da quello di un ambiente centralizzato. I controlli di sicurezza presenti nei data center privati o nei cloud pubblici, come firewall o strumenti antivirus, non vengono trasferiti automaticamente. Gli esperti raccomandano alcune semplici precauzioni, tra cui la protezione avanzata di ogni host, il monitoraggio della rete in tempo reale, la crittografia dei dati e l’aggiunta di misure di sicurezza fisica.

Oggi il 91% dei dati viene creato ed elaborato in data center centralizzati. Entro il 2022, circa il 75% di tutti i dati richiederà analisi e azioni all’edge.

Il cloud e l’edge

L’edge sostituisce il cloud?

L’edge computing è strettamente integrato con il cloud per fornire una soluzione flessibile in grado di soddisfare le esigenze di raccolta e analisi dei dati di ciascuna organizzazione. Nella raccolta e analisi in tempo reale, l’edge è ideale per determinati carichi di lavoro. Il cloud può fornire invece un’unità di calcolo centrale per analisi su larga scala.  Combinati fra loro, i due sistemi forniscono informazioni, sia storiche che in tempo reale, sulle performance e consentono processi come l’apprendimento automatico e la gestione delle prestazioni delle risorse.

Il cloud ibrido e l’edge

Se ti avvali già di un’architettura cloud ibrida, allora conosci i vantaggi del partizionamento dei dati tra cloud pubblici e privati. L’edge computing può essere un’ottima aggiunta alla rete esistente. Esistono diverse configurazioni, tutte efficaci a seconda degli obiettivi aziendali e dell’utilizzo. Ad esempio, l’edge può prendere il posto del cloud privato svolgendo l’attività di elaborazione principale, oppure è possibile accoppiare l’edge con un cloud ibrido esistente composto da cloud pubblici e privati.

Settori che ottimizzano l’edge

Petrolio e gas

Automazione industriale

Edifici intelligenti

Risorse idriche e acque reflue

Trasporti

Sanità

Vendita al dettaglio

Settore alimentare

Non trovi il tuo settore? Tranquillo, soddisfiamo tutte le esigenze. Chatta con noi per sapere come possiamo aiutarti.

Stratus è leader nell’edge computing

Stratus Technologies offre ai suoi partner e clienti globali la possibilità di trasformare i dati in informazioni fruibili laddove sono più importanti: al perimetro della rete, l’edge. Da decenni proteggiamo partner e clienti da significativi rischi di natura finanziaria e di reputazione trasmettendo informazioni in modo sicuro e affidabile alle applicazioni nel cloud e nel data center. Ora stiamo estendendo questi vantaggi all’edge per massimizzare l’efficienza operativa e migliorare le prestazioni e la sicurezza, riducendo al contempo il downtime e i costi non pianificati. Così il tuo lavoro è più semplice, più efficiente e più produttivo.

La soluzione più recente di Stratus, ztC Edge, è stata appositamente progettata per l’edge. Stratus ztC Edge è una piattaforma di elaborazione informatica altamente automatizzata, affidabile, sicura per l’esecuzione rapida, affidabile ed efficiente di applicazioni industriali business-critical, anche in sedi decentralizzate con poche risorse IT. Funzionalità come virtualizzazione integrata, riavvio e protezione dei dati automatici, ripristino automatico del sito locale, sicurezza semplificata, nodi solid state ridondanti, disponibilità personalizzabile, interoperabilità industriale, manutenzione OT semplificata e servizi di monitoraggio dello stato del sistema basati su cloud e di assistenza gestita aiutano le aziende ad aumentare l’efficienza e ridurre la dipendenza dall’IT, riducendo al contempo il rischio di downtime.